UA-51725861-1
20 Ottobre 2019

Trevigliese: bene,
brava, bis

Cronache e commenti
scritto da Admin il 18-09-2019 00:16
(nella foto: tutto ok per Roby Pellegris, domenica uscito dal campo dopo una botta subita al capo)

Però, questa Trevigliese. Inizia il campionato e infila subito due vittorie, prende posizione e si ritrova in cima alla classifica, in compagnia dei monzesi del Leon e davanti ad altre formazioni scattate con intenzioni ardite. Certo, è il calcio di settembre, fatto di risultati ballerini e valori da assestare: ma intanto sei punti sono già in saccoccia e il ritorno in Eccellenza non sembra cagionare scompensi. Continuasse così…

Se il debutto stagionale - prima di Coppa Italia, 1-4 in casa con la Bedizzolese - aveva prodotto qualche turbamento, il prosieguo del cammino pare orientato verso altra direzione. Quei quattro gol sono rimasti gli unici subiti nelle quattro gare ufficiali disputate sin qui: e a quella sconfitta hanno fatto seguito tre vittorie identiche nel risultato seppur dissimili nei contenuti. 1-0 sul campo del Calvairate in coppa, 1-0 a Cologno Monzese alla prima di campionato, ora questo 1-0 inflitto alla Pontelambrese sul prato dello stadio Zanconti. Il cartellino del gol viene timbrato con regolarità, in maniera parsimoniosa e al tempo stesso letale; mentre sul fronte arretrato, dopo gli sbandamenti di quella domenica d’agosto ormai prossima all’oblio, tenuta e affidabilità hanno raggiunto apprezzabili livelli.

Domenica scorsa, la Trevigliese ha sfondato appena ne ha avuto la possibilità: non erano passati neppure cinque minuti quando il giovane Bertocchi inzuccava di testa sul secondo palo raccogliendo un pregiato traversone di Pellegris. E su quella trama tessuta dai suoi due punteros la squadra di Cristian Redaelli ha poi costruito le proprie fortune, rintuzzando a dovere, nei restanti 85’ e passa, le iniziative della formazione ospite, nonché sfiorando in talune circostanze anche la marcatura del raddoppio.

Insomma, una convincente prova di quella solidità che ora verrà testata in una delle più improbe fra le trasferte disseminate lungo il percorso del torneo. A sette mesi dall’ultima volta (13 febbraio), Rinaldi e compagni tornano a Sant’Angelo, ospiti della grande rivale del duello 18-19: a quei tempi si giocava in Promozione, i biancocelesti vinsero 2-1 lo scontro diretto giocato in notturna. e poi il campionato salendo dritti di categoria, mentre i lodigiani dovettero affidare ai playoff e ai ripescaggi estivi il loro destino. Destino che adesso li pone nuovamente sul cammino del Cst, forti di un organico potenziato e sorretti da rinnovate ambizioni (stiamo parlando di una delle candidate alla vittoria finale): sarà senza dubbio, e di nuovo, sfida aperta per cuori impavidi.



[Realizzazione siti web www.sitoper.it]