UA-51725861-1
21 Settembre 2020

BLOCCATA DAL GELO

Blog 2016-2017
scritto da Admin il 17-01-2017 17:15
(nella foto: Trevigliese a terra, il Villa d´Almè esulta allo "Zanconti")

Si sperava che la pausa invernale avesse corroborato muscoli e ingegno della Trevigliese che, invece, ha iniziato male il girone di ritorno. Il Villa d´Almè ha vinto (2-0) il derby giocato allo "Zanconti", così come del resto si era già imposto (1-0) nella gara di andata: ma a settembre ci fu da recriminare per un risultato che non rese del tutto giustizia alla prestazione comunque apprezzabile di una Trevigliese ancora tutta da costruire; mentre oggi non vi è davvero nulla da eccepire di fronte a questa sconfitta scaturita da una gara giocata bene dai brembani – sicuramente squadra ambiziosa e attrezzata – e non certo dai padroni di casa.

In pratica, i biancocelesti hanno patito per tutto l´incontro l´intraprendenza dei loro avversari, che hanno creato occasioni nel primo tempo e soprattutto nel secondo: dopo l´intervallo, il Villa d´Almè ha messo insieme un gol annullato, una traversa, un palo, la rete dell´1-0, altre occasioni per il raddoppio e infine il 2-0 al 90´. Della Trevigliese va ricordato un palo in mischia di Legrati (sullo 0-0) e null´altro, nonostante un tentativo di reazione che, però, non è mai andato oltre la palla recapitata sul fronte offensivo: schierata a tre punte (Vitali, Corradi, Nenadovic), la squadra di mister Poma non è mai riuscita a liberare un uomo al tiro, venendo poi penalizzata anche dall´infortunio di Longo e da due espulsioni (Buzzi e Stortini), che ora peseranno sulla prossima trasferta di Caprino.

E domenica ventura sarà davvero ardua l´impresa da tentare sul campo della squadra terza in classifica. Il Caprino s´è subito rivelato in gran forma (3-0 a Verdello) e punterà a sfruttare appieno lo scontro diretto fra le due rivali che lo precedono (Casatese-Crema): questo non significa, però, che la Trevigliese debba concedersi quale vittima sacrificale alle ambizioni degli antagonisti, anzi sarà opportuno prodursi nel massimo sforzo per rimettersi prontamente in carreggiata dopo la sbandata iniziale.

Anche perché i risultati della prima giornata di ritorno hanno visto la classifica complicarsi leggermente: la Cisanese ha vinto salendo a 17 – attuale zona salvezza – lasciando il Cst e il MapelloBonate ad aprire la fascia playout (15). Servono dunque punti: pesanti, tonici, immediati.

Realizzazione siti web www.sitoper.it